Oggi, 18 anni fa

Il 20 novembre 2007 compie 18 anni la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia.

Il 20 novembre 1989, infatti, la Convenzione veniva approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

L’evento cadeva esattamente a 30 anni dall’approvazione, da parte dell’Assemblea Generale, della Dichiarazione sui diritti del fanciullo (20 novembre 1959).

La Convenzione, strumento di promozione e di protezione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, ha introdotto per la prima volta l’idea del bambino come soggetto di diritti invece che mero oggetto di tutela e protezione da parte del mondo adulto.

Essa ha presentato concetti nuovi come il rispetto dell’identità del bambino, della sua privacy, dignità e libera espressione e ha ripreso, ampliandoli e specificandoli, i principi stabiliti dalla Dichiarazione del 1959.

Ma soprattutto, la Convenzione è il primo trattato universale e multilaterale che ha stabilito diritti internazionalmente riconosciuti al bambino, vincolando gli Stati a rispettarli concretamente e a presentare regolarmente rapporti sull’attuazione.

Tali rapporti devono essere resi a un apposito Comitato ONU sui diritti dell’infanzia, composto da personalità indipendenti di provata esperienza e fama internazionale.

Ratifiche: è record, ma qualcuno ancora manca all’appello

Le Nazioni Unite, approvandola all’unanimità, hanno affidato all’UNICEF il compito di garantirne e promuoverne l’effettiva applicazione negli Stati che l’hanno ratificata, con un mandato esplicito contenuto nell’art. 45.

La Convenzione non solo individua tutta la gamma dei diritti che devono essere riconosciuti al bambino, ma anche indica gli strumenti per tutelarli e promuoverli.

La Convenzione è stata ratificata da 193 paesi – tutti, tranne Stati Uniti e Somalia.

L’Italia l’ha recepita nel suo ordinamento giuridico con Legge n.176 del 27 maggio 1991.

Alla Convenzione si affiancano due Protocolli opzionali approvati dall’Assemblea generale ONU nel 2000 e ratificati dall’Italia con legge 11 marzo 2002, n. 46, concernenti la vendita di bambini, la prostituzione e la pornografia riguardante i minorenni e il coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati.

Al lavoro per applicare la Convenzione

Nonostante il consenso suscitato dalla Convenzione, in molte regioni del mondo i diritti dell’infanzia non vengono applicati.

Spesso i bambini non hanno accesso ai centri sanitari, non frequentano la scuola, sono denutriti e sono esposti alla violenza.

L’UNICEF, che vigila in tutto il mondo per l’applicazione della Convenzione, offre il suo sostegno ai governi e alle Organizzazioni non governative (ONG) locali e internazionali per adottare programmi a favore dei bambini.

A tal fine, ricorre ad analisi globali dei rapporti sociali ed economici, alla valutazione continua dei progetti e all’elaborazione di metodi volti a migliorare la situazione dei bambini, e interviene attraverso i suoi 156 uffici sul campo con progetti concreti per attuare i diritti dei bambini e degli adolescenti.

Dal sito dell’Unicef

Annunci

~ di julie su novembre 20, 2007.

3 Risposte to “Oggi, 18 anni fa”

  1. Ultimi tre post, dedicati a bambini. Hai un futuro da baby sitter, juliette!
    😉

  2. … oppure un futuro da mamma! 😉
    :*

    :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    .

    ps: sono stanco morto e sono stufo di studiare. Speriamo bene per domani. Ora vò a nanna.
    ‘notte piccolina

  3. oh oh!
    😳

    ______

    @ Marco
    E’ andato benissimo. Un altro è fatto. Bravo!
    :*

    :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: