Nonne … mon amour!

Sabato e domenica tutta la mia famiglia anziché stare a casa sua ha trascorso il week end dai nonni, che abitano a pochi kilometri di distanza.
Il nonno compiva gli anni e ci siamo riuniti tutti da loro.

(Tra parentesi, avresti dovuto venire jan, tu che dici sempre che siamo una “famiglia di pazzi”, non hai ancora conosciuto come si deve nonno Cosimo, lui sì che è veramente matto, nel miglior senso ovviamente!)

Ma non voglio parlare della festa di compleanno.

Dunque, ero da loro sabato. Chiama la nonna di Lazise sul mio cellulare, mentre stavo in salotto con l’altra nonna. Mi fa una specie di interrogatorio: “come stai, cosa fai, chi vedi, mangi? cosa mangi adesso che stai da sola a Bologna?”.
– Sto bene, nonna.
– Faccio le solite cose, vado a lezione e studio per lo più.
– Vedo Marco praticamente quasi sempre, Robi, Alessandra e Daniela, e tutti gli amici di Bologna e anche gli altri, quando è possibile.
– Mangio, non preoccuparti nonna. Insomma, non è che mi preparo sempre delle cose come trovavo a casa, ma me la cavo.

L’altra nonna ascolta inevitabilmente.

Siccome era accaduto, quando mamma è morta lo scorso anno, che per un periodo non m’è riuscito più di mangiare, tutti mi stanno addosso col timore che possa ricadere in quella tendenza. Lo sento che mi stanno addosso, anche quando stanno zitti. In realtà io ho superato quella fase e, anche se so che rischio di ricaderci, attualmente mi piace stare a tavola, solo che quando si abita da soli (almeno io) a volte si hanno dei problemi in cucina: la fretta; il fatto di fermarsi spesso in un bar per un semplice panino; il problema che se fai qualcosa tipo un coniglio in umido coi peperoni o il minestrone poi mi tocca mangiarlo come minimo tre volte di seguito, a meno che non si inviti tutti i giorni qualcuno, ma anche questo non è sempre fattibile, e così via. A casa di Robi e di Marco accade la stessa cosa, così, insomma, ci arrangiamo, da bravi studenti quali siamo.

Ma questa settimana le cose cambiano!

La mia nonna toscana, dopo aver sentito la telefonata, si è messa ai fornelli con la cuoca.
Che farà mai? – mi son chiesta.
Quando sono ripartita per Bologna mi raggiunge all’auto con una grande borsa termica. “Tieni. – mi ha detto – Ci sono cose che puoi metter in freezer e altre da consumare subito“.
car.gif

Che gioia! sorrisone.gif

‘Sta settimana mi va alla grande! bleh.gif

Ho una scorta di cose prelibatissime da consumare, riposte in piccole porzioni congelate, più altre che mi faccio fuori subito.

Stasera sto per preparare la cena (sarebbe meglio dire la tavola, visto che è tutto pronto) cominciando come antipasto con quei fantastici crostini toscani che certo io non avrei preparato. E non dico cosa segue!

Naturalmente non sono così avida da consumarmi tutto da sola. Stasera oltre a Marco ci sono un paio di amici. celebrate.gif

Gnam gnam … sbp.gif

PS: Per chi volesse fare i crostini, la ricetta è qui.

Annunci

~ di julie su dicembre 10, 2007.

9 Risposte to “Nonne … mon amour!”

  1. Ah … ma allora è te che devo ringraziare se la nonna ha dato anche a me e ad Alessandra una borsa piena di bontà! Non sapevo di questa telefonata.
    Grazie mille, juliette

    Figurati che stasera noi abbiamo già mangiato, pure noi abbiamo fatto i crostini con quella delizia come antipasto.

    Mi ha messo nella borsa persino 2 vasetti di mostarda fatta in casa dalla Vanna, per non parlare del pasticcio e dell’arrosto, e ….

    Juliette, dobbiamo escogitare un modo affinchè si ripeti regolarmente!
    😉

  2. Cosa vuoi escogitare, Robi?
    Basta dirlo, no?
    Provvederemo a farvi avere delle borse ricolme di cibi fatti in casa, genuini e buoni.
    Ma non sempre, però! Altrimenti non imparate a fare da soli. 😉
    ‘notte, ragazzi miei!
    Vi abbraccio

  3. Mi autoinvito per una sera di questa settimana!
    😛
    :*

  4. Come jacopo!
    😉
    ciao juliette
    :mrgreen:

  5. juliette, io invece mi auto-invito tutte le volte che mangi a casa. Pranzo e cena.
    😛 😛 😛
    Posso anche fare una volta da te e una dal tuo frate robi.
    😆 😆 😆

    Nonno Cosimo più matto di quelli che già frequento della tua famiglia? Voglio conoscerlo!

    Ma ciao papà Lorenzo! Tieni presente che con le borse che darai ai tuoi figlioli farai mangiar bene anche noi. Abbonda pure, gli insegnamo noi ad arrangiarsi poi! 😉

    Non so perchè, ma stanotte sono felice!
    😀 😀 😀

  6. Ottima cena, cara amica, ieri sera.
    Grazie
    😀

  7. Davvero squisita, sia la cena che la compagnia.
    Grazie
    😀

  8. Grazie, amore mio … per la cena, per il dopo e per il dopo del dopo. 😉
    :******************************************************************
    Quanto ti amo!

    :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  9. Mi fai venire una nostalgia, juliette …
    😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: