La legge è uguale per tutti o i politici sono più uguali degli altri?

Sintesi della settimana politica:

«Cuffaro resta, Mastella è atteso dal governo come il figliol prodigo dal padre buono che prepara il vitello grasso, la first lady ceppalonica dirige il consiglio regionale dagli arresti domiciliari, mentre l’unico che se ne deve andare è De Magistris.» (da Voglio Scendere, articolo di Marco Travaglio)

Annunci

~ di julie su gennaio 20, 2008.

3 Risposte to “La legge è uguale per tutti o i politici sono più uguali degli altri?”

  1. Dallo stesso articolo di Travaglio:

    “Senza l’aggravante mafiosa, il governatore beneficia dell’indulto e i 5 anni di pena diventano 2. Niente carcere, dunque, in caso di condanna definitiva. C’è l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, ma non scatterà mai perché il reato cadrà in prescrizione – grazie alla legge ex Cirielli – tra un paio d’anni, probabilmente prima che si chiuda il processo d’appello. Così, paradossalmente, Totò pur condannato ha vinto la sua partita, mentre la vecchia Procura l’ha rovinosamente persa. Perché non ha voluto giocarla.”

    Vergognoso! Vergognoso! Vergognoso!
    E ancora vergognoso!
    Di questo passo, dove arriveremo?
    😦

  2. E dove vuoi che s’arrivi, Ale?
    A Pechino! Laddove si celebrerà l’imponente liturgia dei Giochi Olimpici con assenso quasi unanime, perché si sa che la Cina può essere un’opportunità, gli affari una priorità, i diritti umani e le esecuzioni capitali un’inutile seccatura. Si prega di non disturbare, please.

  3. S’è invertito tutto.
    I magistrati che dovrebbero indagare son diventati oggi gli indagati, se non addirittura i delinquenti.
    Quel poveretto di Mariano Maffei (il pm che ha ordinato gli arresti dei Ceppalones) dopo 40 anni di servizio ineccepibile e a un mese dalla pensione si è ritrovato attaccato e offeso in modo intollerabile secondo il copione Craxi-Berlusconi-Mastella.
    Vorrebero presentarcelo come colui che ordisce complotti contro i Mastella e lo hanno deriso per la sua incapacità di gestire una conferenza stampa (mi riferisco al video su YouTube – questo – per il quale si è pure preso l’appellativo di Magistrato-macchietta dal solito Mastella).
    Pover’uomo, non avvezzo alle telecamere e alla disinvoltura degli uomini di mondo, legge un comunicato e poi chiacchiera informalmente coi cronisti senz’accorgersi che stanno riprendendo tutto: ecco vorrebbero farci credere che questa ingenuità è il tipico comportamento degli orditori di “trappole a orologeria” contro poveri ministri della Giustizia.
    😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: